• Seol
  • Contatti

Login Registrazione

I Mulini


Il più antico mulino ad acqua era conosciuto col nome di mulino greco o scandinavo, formato da un asse verticale che nella parte inferiore aveva una serie di palette atte a ricevere la spinta dell'acqua; nella parte superiore, attraversata la macina fissa, era solidale con una macina rotante.
Mulino
Resti di un mulino (foto di Arezzo di Trifiletti F.)


Seguirono altri mulini più efficienti, come il mulino vitruviano, ideato dall'architetto Vitruvio in età augustea, in cui la ruota idraulica era verticale ed era collegata all'asse verticale della macina rotante. Nelle contrade licodiesi i mulini ad acqua continuarono a vivere sino alla seconda guerra mondiale e anche oltre, ma la loro stagione era di fatto finita, il progresso e le nuove tecniche fermarono per sempre le vecchie macine. Tutt'oggi nel territorio di Licodia, in contrada Mangalavite esiste un rudere che, apparterrebbe all'antico mulino. Si può ipotizzare che in tempi lontani, a causa della sua posizione, sia stato abbandonato e soppiantato dal mulino Grammatico che, trovandosi più a valle alla confluenza di due piccoli torrenti provenienti dalle contrade Mangalavite e Cava, nella stagione calda e in assenza di piogge poteva sfruttare un maggior volume d'acqua e garantire di conseguenza una più intensa attività.


Mulino
Vista di un mulino ristrutturato (foto Sicurella M.)


Poche sono le tracce visibili di questi opifici, solo cercando e scrutando il territorio, percorrendo da vicino i corsi d'acqua che attraversano le contrade, si trovano ancora le strutture dei vecchi mulini, nascosti dagli sterpi, o tra le canne, spesso lasciati in stato di completo abbandono. Del percorso si vede appena la volta ad arco, mentre l'acqua ha lasciato il posto ai detriti.


Bibliografia::

C. Verdi: Gli antichi mulini ad acqua della terra di Licodia;

C. Verdi, Licodia Eubea: notizie, 1981;

P. M. Cannizzo, Licodia Eubea: le sue origini e la sua storia nel contesto della storia della Sicilia, 1995;

Archeclub d'Italia sede di Licodia, Cenni su Licodia;

S. Sciorto, Guida di Licodia.